versione accessibile
 Speciale Visita Pastorale » Notizie Visita Pastorale » La Visita Pastorale presso la Parrocchia SS. Salvatore di Carbonaro 

La Visita Pastorale presso la Parrocchia SS. Salvatore di Carbonaro   versione testuale
Facebook  Twitter  Technorati  Delicious  Yahoo Bookmark  Google Bookmark  Microsoft Live  Ok Notizie


 Si è svolta domenica 6 novembre scorso la Visita Pastorale presso la Parrocchia SS. Salvatore di Contrada Carbonaro (Frazione di Modica). Durante il pomeriggio, insieme al Parroco, don Paolo Alescio, e a un gruppetto di parrocchiani, sono state visitate due aziende casearie operanti nel territorio parrocchiale, l’azienda Scrofani e l’azienda Puglisi. Il Vescovo si è intrattenuto parlando della produzione del “Ragusano D.O.P.” e della vacca “ragusana”, razza da cui si produce il suddetto formaggio. Al termine di entrambe le visite, prima di congedarsi, il Vescovo ha pregato insieme alle famiglie presenti e benedetto le persone e il lavoro delle aziende. Nella prima serata, sul sagrato della chiesetta si è svolto il rito di Accoglienza e la Celebrazione eucaristica. Nella sua omelia il Vescovo ha esordito parlando del gravoso compito di governare una Diocesi. “Per voi sono Vescovo - ha detto mons. Staglianò parafrasando S. Agostino - ma con voi sono cristiano, ed essendo cristiano, il Vescovo ha dei doveri nei confronti del suo stesso ruolo; doveri ai quali non può certamente sottrarsi”. In un secondo passo della omelia il Presule ha esortato i presenti a vivere il proprio cristianesimo avvalendosi anzitutto delle proprie opere di carità a misura della propria fede: “la preghiera è inutile e noiosa - ha provocato - quando è cieca alle sofferenze altrui. Quando ci troveremo alle porte dell’aldilà verremo interrogati sulle nostre opere di misericordia”.
Dopo i Riti di Comunione, per richiesta del Vescovo, si è tenuto un momento assembleare. Il Vescovo prende nuovamente parola esortando la Comunità a puntare alla fede. “La carità di Dio ci mette nelle condizioni di poter avere occhi per le sofferenze altrui. Seguire Gesù - ha proseguito - non serve a divenire angeli ma a restare umani, per mezzo dello Spirito Santo che vive e agisce in ognuno di noi”. Al termine di questo momento, tutti i presenti si sono portati nel saloncino parrocchiale per vivere insieme un momento di agape fraterna.
 


Martedì 15 Novembre 2016Andrea Pitrolo
Copyright Diocesi di Noto 2008 - Credits